T.A.R. Lazio Roma Sez. III, Sent., 07-02-2011, n. 1169 Carenza di interesse sopravvenuta

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole direttore del sito giuridico http://www.gadit.it/

Svolgimento del processo – Motivi della decisione

che il patrono dei ricorrenti all’odierna udienza pubblica di trattazione della causa ha dichiarato che, avuto riguardo a quanto rappresentato e documentato dall’Amministrazione nella memoria da ultimo depositata, è venuto meno nei ricorrenti stessi ogni ulteriore interesse a coltivare il giudizio;

Ritenuto quindi che altro non resti al Collegio che prendere atto di quanto sopra, dichiarando conseguentemente improcedibile il ricorso in epigrafe, per sopravvenuta carenza di interesse;

Ritenuto, infine, quanto alle spese, che sussistano giusti motivi per disporne la compensazione.
P.Q.M.

definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo dichiara improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse.

Spese compensate.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *