T.A.R. Lazio Roma Sez. III quater, Sent., 08-02-2011, n. 1246 Carenza di interesse sopravvenuta

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole direttore del sito giuridico http://www.gadit.it/

Svolgimento del processo – Motivi della decisione

1. Con istanza dell’8.2.2010 il L.D.A.C.O. del dr. P. e C. s.a.s., con sede in Roma, ha chiesto all’Ag. Sanità Pubblica – A.S.P. Regione Lazio ed alla Regione Lazio l’accesso ai conteggi posti a base del sistema di calcolo per il budget 2009, al fine di verificarne l’esattezza.

Non avendo ricevuto alcuna risposta dai competenti Uffici il Laboratorio meglio sopra indicato ha quindi, notificato in data 1 aprile 2010, sia all’A.S.P. sia alla Regione Lazio il ricorso previsto dall’art. 25 legge n. 241/1990, chiedendo a questo T.A.R. di ordinare alle suddette amministrazioni l’esibizione della documentazione invano richiesta.

Nel giugno 2010 si è costituita in giudizio la Regione Lazio, depositando la copia del verbale di accesso agli atti da parte del Laboratorio ricorrente avvenuto in data 9 giugno 2010.

Alla Camera di consiglio del 6 ottobre 2010, sentito il difensore del ricorrente, la causa è passata in decisione.

Ciò premesso, il Collegio prende atto che, nelle more del giudizio l’A.S.P. Lazio Sanità ha consentito l’accesso agli atti in questione con piena soddisfazione dell’interesse conoscitivo del ricorrente.

Pertanto il ricorso va dichiarato improcedibile.

Le spese di lite, liquidate in euro 1.500,00 oltre gli accessori di legge, sono comunque poste a carico dell’A.S.P. Lazio Sanità che ha provveduto all’esibizione della documentazione solo successivamente alla notifica del ricorso; nulla va disposto a carico della Regione Lazio, Dir. Reg. Progr. sanit., organo non competente per tale adempimento.
P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione Terza Quater, dichiara il ricorso in epigrafe improcedibile per sopravvenuta carenza d’interesse.

Pone gli oneri di lite, liquidati in euro 1.500,00, oltre gli accessori di legge, a carico dell’A.S.P. – Lazio Sanità; nulla vi è da statuire nei confronti della Regione Lazio.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *