ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 18 gennaio 2011

Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno colpito il territorio della regione Calabria nei giorni dal 3 al 5 settembre, dal 17 al 20 ottobre e dal 1° al 4 novembre 2010.

Aggiornamento offerto dal dott. Domenico Cirasole

Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 25 del 1-2-2011

IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’articolo 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio del 5 novembre 2010,
con il quale e’ stato dichiarato lo stato di emergenza in relazione
agli eccezionali eventi meteorologici che hanno colpito il territorio
della regione Calabria nei giorni dal 3 al 5 settembre, dal 17 al 20
ottobre e dal 1 al 4 novembre 2010;
Considerato che, a seguito dei predetti fenomeni atmosferici, si
sono verificate esondazioni dei corsi d’acqua, allagamenti e danni
alla viabilita’, alle abitazioni ed alle infrastrutture, nonche’ una
situazione di grave pericolo per la pubblica e privata incolumita’;
Ravvisata la necessita’ di disporre l’attuazione degli interventi
urgenti finalizzati alla ripresa delle normali condizioni di vita
delle popolazioni ed al riavvio delle attivita’ produttive, nonche’
alla messa in sicurezza dei territori e delle strutture interessate
dagli eventi in rassegna;
Ritenuto, quindi, necessario ed urgente disporre l’espletamento di
iniziative di carattere straordinario ed urgente finalizzate al
rapido ritorno alle normali condizioni di vita;
Acquisita l’intesa della Regione Calabria con nota del 7 gennaio
2011;
Su proposta del capo del Dipartimento della protezione civile della
Presidenza del Consiglio dei Ministri;

Dispone:

Art. 1

1. Il Presidente della regione Calabria e’ nominato Commissario
delegato per il superamento dell’emergenza derivante dagli eventi di
cui in premessa. Il Commissario delegato si avvale dell’ANAS, in
qualita’ di soggetto attuatore, per il ripristino e la messa in
sicurezza della viabilita’ statale fortemente compromessa dagli
eventi alluvionali in rassegna nonche’ di ulteriori soggetti
attuatori dallo stesso nominati, che agiscono sulla base di
specifiche direttive ed indicazioni impartite dal medesimo
Commissario delegato.
2. Il Commissario delegato provvede, previa individuazione dei
comuni danneggiati dagli eventi calamitosi, anche avvalendosi dei
soggetti attuatori dallo stesso nominati, all’accertamento dei danni,
all’adozione di tutte le necessarie ed urgenti iniziative volte a
rimuovere le situazioni di rischio, ad assicurare la indispensabile
assistenza alle popolazioni colpite dai predetti eventi calamitosi ed
a porre in essere ogni utile attivita’ per l’avvio, in termini di
somma urgenza, della messa in sicurezza delle aree colpite.
3. Il Commissario delegato e i soggetti attuatori, che svolgono le
loro funzioni a titolo gratuito, per gli adempimenti di propria
competenza possono avvalersi della collaborazione delle strutture
regionali, degli enti territoriali e non territoriali, nonche’ delle
amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, senza nuovi o
maggiori oneri per la finanza pubblica.
4. Il Commissario delegato, anche avvalendosi dei soggetti
attuatori, provvede entro quarantacinque giorni dalla pubblicazione
della presente ordinanza nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana alla predisposizione, anche per stralci successivi, di un
piano degli interventi per il superamento dell’emergenza, ed
all’avvio urgente della messa in sicurezza dei territori individuati
ai sensi del comma 2. Il piano degli interventi, predisposto secondo
modalita’ definite dal Commissario delegato, sulla base delle risorse
finanziarie disponibili e con il coinvolgimento degli enti locali
interessati, deve contenere:
a) la quantificazione del fabbisogno per la copertura delle spese
sostenute da parte delle Amministrazioni dei territori interessati
dagli eventi calamitosi nelle fasi di prima emergenza, sulla base di
apposita rendicontazione, ivi compresi gli interventi di somma
urgenza;
b) la quantificazione del fabbisogno per il finanziamento degli
interventi di somma urgenza necessari, nonche’ per l’avvio dei primi
interventi urgenti necessari per la messa in sicurezza dei territori
interessati mediante il ripristino in condizioni di sicurezza della
viabilita’, degli impianti e delle infrastrutture pubbliche e di
pubblica utilita’;
c) la quantificazione del fabbisogno per la concessione dei
contributi per l’autonoma sistemazione dei nuclei familiari la cui
abitazione principale, abituale e continuativa, sia stata distrutta
in tutto o in parte, ovvero sia stata sgomberata in esecuzione di
provvedimenti delle competenti autorita’;
d) la quantificazione del fabbisogno per la concessione dei
contributi per la ripresa delle attivita’ produttive ed economiche da
parte di imprese che abbiano subito danni ai beni immobili e mobili;
e) la quantificazione del fabbisogno per la concessione dei
contributi per il ripristino dei beni immobili gravemente danneggiati
destinati ad abitazione principale;
Il piano degli interventi deve essere redatto secondo un ordine di
priorita’ degli interventi, nel limite delle risorse disponibili,
sulla base della quantificazione dei fabbisogni di cui alle lettere
precedenti, individuando per ciascuna tipologia di intervento il
plafond delle risorse da utilizzare.
5. Il Commissario delegato e’ autorizzato a rimborsare le spese
sostenute dai comuni per i primi interventi di soccorso ed assistenza
alla popolazione, debitamente documentate.
6. Il Commissario delegato assicura il coordinamento della gestione
degli interventi di cui alla presente ordinanza con quelli incidenti
su ambiti territoriali gia’ interessati da altri eventi alluvionali.
7. Il Commissario delegato provvede a soddisfare i fabbisogni di
cui al comma 5 nei limiti delle risorse finanziarie disponibili.

Art. 2 1. Per l’attuazione degli interventi previsti dalla presente ordinanza, che sono dichiarati indifferibili, urgenti, di pubblica utilita’ e costituiscono variante ai piani urbanistici, il Commissario delegato, anche avvalendosi dei soggetti attuatori di cui all’articolo 1, comma 1, ove non sia possibile l’utilizzazione delle strutture pubbliche, puo’ affidare la progettazione anche a liberi professionisti, avvalendosi, ove necessario, delle deroghe di cui all’articolo 6 e nell’ambito delle risorse di cui all’articolo 7, nel limite massimo complessivo da indicare nel piano di cui al comma 4 dell’articolo 1. 2. Il Commissario delegato, anche avvalendosi dei soggetti attuatori, per gli interventi di competenza, provvede all’approvazione dei progetti ricorrendo, ove necessario, alla conferenza di servizi da indire entro sette giorni dalla disponibilita’ dei progetti. Qualora alla conferenza di servizi il rappresentante di un’amministrazione invitata sia risultato assente, o, comunque, non dotato di adeguato potere di rappresentanza, la conferenza delibera prescindendo dalla sua presenza e dalla adeguatezza dei poteri di rappresentanza dei soggetti intervenuti. Il dissenso manifestato in sede di conferenza di servizi deve essere motivato e recare, a pena di inammissibilita’, le specifiche indicazioni progettuali necessarie al fine dell’assenso. 3. Fermo restando quanto stabilito al comma 4, i pareri, visti e nulla-osta relativi agli interventi, che si dovessero rendere necessari, anche successivamente alla conferenza di servizi di cui al comma precedente, in deroga all’art. 17, comma 24, della legge 15 maggio 1997, n. 127, e successive modificazioni, devono essere resi dalle amministrazioni entro sette giorni dalla richiesta e, qualora entro tale termine non siano resi, si intendono acquisiti con esito positivo. 4. Per i progetti di interventi e di opere per cui e’ prevista dalla normativa vigente la procedura di valutazione di impatto ambientale statale o regionale, ovvero per progetti relativi ad opere incidenti su beni sottoposti a tutela ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 la procedura medesima deve essere conclusa entro il termine massimo di 30 giorni dalla attivazione. In caso di mancata espressione del parere o di motivato dissenso espresso, alla valutazione stessa si procede in una apposita conferenza di servizi, da concludersi entro 15 giorni dalla convocazione. Nei casi di mancata espressione del parere o di motivato dissenso espresso, in ordine a progetti di interventi ed opere di competenza statale in sede di conferenza di servizi dalle amministrazioni preposte alla tutela ambientale, paesaggistico – territoriale o del patrimonio storico-artistico, la decisione e’ rimessa al Presidente del Consiglio dei Ministri in deroga alla procedura prevista dall’articolo 14-quater della legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni e integrazioni, i cui termini sono ridotti della meta’. 5. Il Commissario delegato, anche avvalendosi dei soggetti attuatori, provvede, per le occupazioni d’urgenza e per le eventuali espropriazioni delle aree occorrenti per l’esecuzione delle opere e degli interventi di cui alla presente ordinanza, una volta emesso il decreto di occupazione d’urgenza, prescindendo da ogni altro adempimento, alla redazione dello stato di consistenza e del verbale di immissione in possesso dei suoli anche con la sola presenza di due testimoni.

Art. 3

1. Il Commissario delegato, anche avvalendosi dei Sindaci e,
comunque, senza oneri aggiuntivi per i comuni, e’ autorizzato ad
erogare, nei limiti delle risorse assegnate dalla presente ordinanza,
ai nuclei familiari la cui abitazione principale, abituale e
continuativa sia stata distrutta in tutto o in parte, ovvero sia
stata sgomberata in esecuzione di provvedimenti delle competenti
autorita’ adottati a seguito degli eventi di cui in premessa, un
contributo per l’autonoma sistemazione fino ad un massimo di € 400,00
mensili e, comunque, nel limite di € 100,00 per ogni componente del
nucleo familiare abitualmente e stabilmente residente
nell’abitazione; ove si tratti di un nucleo familiare composto da una
sola unita’, il contributo medesimo e’ stabilito nella misura massima
di € 200,00. Qualora nel nucleo familiare siano presenti persone di
eta’ superiore a 65 anni, portatori di handicap, ovvero disabili con
una percentuale di invalidita’ non inferiore al 67%, e’ concesso un
contributo aggiuntivo fino ad un massimo di € 100,00 mensili per
ognuno dei soggetti sopra indicati.
2. Il Commissario delegato, anche avvalendosi dei Sindaci e,
comunque, senza oneri aggiuntivi per i Comuni, e’ autorizzato,
laddove non sia stata possibile l’autonoma sistemazione dei nuclei
familiari, a disporre per il reperimento di una sistemazione
alloggiativa alternativa, nel rispetto dei limiti di cui al comma 1.
3. I benefici economici di cui al comma 1 sono concessi a decorrere
dalla data di sgombero dell’immobile, e sino a che non si siano
realizzate le condizioni per il rientro nell’abitazione, ovvero si
sia provveduto ad altra sistemazione avente carattere di stabilita’ e
comunque non oltre 12 mesi dall’ordinanza di sgombero.

Art. 4 1. Al fine di favorire il rapido rientro nelle unita’ immobiliari gravemente danneggiate, ovvero rese inagibili, ed il ritorno alle normali condizioni di vita, il Commissario delegato, nei limiti delle risorse assegnate dalla presente ordinanza, e’ autorizzato ad erogare, anche per il tramite dei soggetti attuatori, un contributo fino al 70 % e nel limite massimo di € 30.000,00 per le spese necessarie per il ripristino di ciascuna unita’ abitativa, conforme alle disposizioni previste dalla normativa urbanistica ed edilizia, distrutta o danneggiata dagli eventi calamitosi di cui alla presente ordinanza. Il Commissario delegato e’ autorizzato, anche per il tramite dei soggetti attuatori, ad anticipare la somma fino ad un massimo di € 15.000,00 per la riparazione di immobili danneggiati la cui funzionalita’ sia agevolmente ripristinabile, sulla base di apposita relazione tecnica contenente la descrizione degli interventi da realizzare ed i relativi costi stimati. 2. Al fine di assicurare la ricostruzione di abitazioni principali realizzate in conformita’ alle disposizioni previste dalla normativa urbanistica ed edilizia, distrutte o totalmente inagibili o la delocalizzazione delle stesse da aree a rischio idrogeologico elevato o molto elevato il Commissario delegato e’ autorizzato, nei limiti delle risorse assegnate, a concedere, per il tramite dei comuni interessati, un contributo fino al 75% della spesa sostenuta per la demolizione e ricostruzione, la nuova costruzione o l’acquisto di una nuova unita’ abitativa nello stesso comune o in un altro comune, nel limite massimo del costo al metro quadro degli interventi di nuova edificazione di edilizia pubblica sovvenzionata, determinato ai sensi della legge 5 agosto 1978, n. 457 e successive modificazioni ed integrazioni e del decreto ministeriale attuativo 5 agosto 1994, moltiplicato per la superficie complessiva non superiore a quella distrutta o inagibile e comunque non superiore a 120 mq. Le modalita’ e le procedure per l’attuazione del presente comma sono definite dal Commissario delegato. 3. Il Commissario delegato e’ autorizzato a concedere un contributo a favore dei soggetti che abitano in locali sgomberati, fino ad un massimo dell’80% degli oneri sostenuti per i conseguenti traslochi e depositi effettuati, fino ad un massimo di 5.000,00 euro. A tal fine gli interessati presentano apposita documentazione giustificativa di spesa. 4. E’ ammessa la cumulabilita’ fra contributi pubblici ed eventuali indennizzi assicurativi, non oltre l’importo del costo necessario per la riparazione o la nuova acquisizione dei beni danneggiati. 5. E’ esclusa la cumulabilita’ dei contributi di cui ai commi 1 e 2.

Art. 5 1. Al fine di favorire l’immediata ripresa delle attivita’ commerciali, produttive, agricole, agroindustriali, agrituristiche, zootecniche, artigianali, professionali, di servizi e turistiche gravemente danneggiate dagli eventi alluvionali di cui alla presente ordinanza, il Commissario delegato, nell’ambito delle risorse finanziarie disponibili, e’ autorizzato ad erogare, anche avvalendosi dei soggetti attuatori di cui all’articolo 1, comma 1, ai soggetti interessati: a) un contributo rapportato al danno subito da impianti, strutture, macchinari e attrezzature che comunque non sia superiore al 50% del danno medesimo; b) un contributo fino al 30% del prezzo di acquisto di scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti, danneggiati o distrutti a causa degli eventi alluvionali e non piu’ utilizzabili; c) un contributo correlato alla durata della sospensione della attivita’ e quantificato in trecentosessantacinquesimi sulla base dei redditi prodotti, risultanti dall’ultima dichiarazione annuale dei redditi presentata. La sospensione dell’attivita’ deve essere almeno di sei giorni lavorativi. d) un contributo, fino ad un massimo di 10.000,00 euro, per beni mobili registrati distrutti o danneggiati, sulla base di spese fatturate per la riparazione, o in caso di rottamazione, sulla base del valore del bene desunto dai listini correnti per un importo non inferiore a 3.500,00 euro, secondo voci e percentuali di contribuzione, criteri di priorita’ e modalita’ attuative che saranno fissate dal Commissario delegato stesso con propri provvedimenti. 2. I danni sono attestati con apposita perizia giurata redatta da professionisti abilitati, ovvero da pubblici dipendenti, iscritti ai rispettivi ordini o collegi. 3. Il Commissario delegato definisce, con propri provvedimenti, in termini di rigorosa perequazione e sulla base delle risorse disponibili, le tipologie di intervento, la disciplina generale dell’assegnazione ed erogazione dei contributi e della rendicontazione delle spese.

Art. 6

1. Per l’attuazione della presente ordinanza il Commissario
delegato, ovvero i soggetti attuatori dallo stesso nominati, e’
autorizzato, ove ritenuto indispensabile e sulla base di specifica
motivazione, a derogare, nel rispetto dei principi generali
dell’ordinamento giuridico, della direttiva del Presidente del
Consiglio dei Ministri del 22 ottobre 2004 e dei vincoli derivanti
dall’ordinamento comunitario, alle sotto elencate disposizioni:
regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, articoli 3, 5, 6, comma
2, 8, 11, 13, 14, 15 e 19; regio decreto 23 maggio 1924, n. 827,
articoli 37, 38, 39, 40, 41, 42, 117, 119;
decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, articoli 6, 7, 8,
9,10, 13, 14, 17, 18, 19, 20, 21, 33, 34, 36, 37, 42, 49, 50, 53, 55,
56, 57, 62, 63, 65, 66, 67, 68, 69,comma 3, 70, 71, 72, 75, 76, 77,
78, 79, 80, 81, 82, 83, 84, 86, 87, 88, 89, 90, 91, 92, 93, 94, 95,
96, 97, 98, 111, 118, 119, 121, 122, 123, 124, 125, 128, 130, 132,
141, 143, 144, 153 e 241 e successive modificazioni;
legge 7 agosto 1990, n. 241, articoli 8, 14, 14 bis, 14-ter,
14-quater, 16 e 17 e successive modificazioni;
decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, articoli 100, 101,
178, 181, 182, 183, 187, 188, 191, 192, 193, 196, 197, 198, 208, 211,
214, 216, da 239 a 253 e 255, comma 1;
leggi regionali di recepimento ed applicazione della legislazione
statale oggetto di deroga.

Art. 7 1. Per gli interventi previsti dalla presente ordinanza, e’ stanziata la somma di 7 milioni di euro da porre a carico del Fondo della protezione civile. 2. Per l’utilizzo delle risorse di cui al comma 1 e’ autorizzata l’apertura di apposita contabilita’ speciale in favore del Commissario delegato. 3. Il Commissario delegato e’ tenuto a rendicontare ai sensi dell’articolo 5, comma 5-bis della legge 24 febbraio 1992, n. 225 e successive modificazioni ed integrazioni.

Art. 8 1. Il Commissario delegato trasmette al Dipartimento della protezione civile, entro trenta giorni dall’adozione del piano di cui all’articolo 1, il crono programma delle attivita’ previste nel piano stesso. Ogni quattro mesi, il Commissario delegato comunica al Dipartimento della protezione civile lo stato di avanzamento dei programmi, evidenziando e motivando gli eventuali scostamenti, nonche’ indicando le misure che si intendono adottare per ricondurre la realizzazione degli interventi ai tempi stabiliti dal crono programma. La presente ordinanza sara’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 18 gennaio 2011 Il Presidente: Berlusconi

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale.

Fonte: http://www.gazzettaufficiale.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *