CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. LAVORO – SENTENZA 30 dicembre 2009, n.27825 LAVORO IN AZIENDA: MANSIONI SUPERIORI DI FATTO

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Ritenuto in diritto L’unico motivo di ricorso denuncia violazione di norme di diritto (art. 1362 e 1363 ce. in relazione agli art. 43 e 44 CCNL 26.11.1994 e all’accordo integrativo 23.5.1995; art. 2103 ce; art. 6 della legge n. 190 del 1985 in relazione all’art. 38, commi 1 e … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. LAVORO – SENTENZA 30 dicembre 2009, n.27825 LAVORO IN AZIENDA: MANSIONI SUPERIORI DI FATTO”

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE – SENTENZA 9 dicembre 2009, n.25766 LA LEGITTIMAZIONE PASSIVA DELL’AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione Deducono le ricorrenti principali a motivi di impugnazione: 1) la violazione e falsa applicazione degli artt. 102 1 e 2 comma cpc, 354 cpc, e degli artt. 1100, 1117, 1131 in relazione all’art. 360 n. 3 e per omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione della sentenza impugnata … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE – SENTENZA 9 dicembre 2009, n.25766 LA LEGITTIMAZIONE PASSIVA DELL’AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO”

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE – SENTENZA 1 dicembre 2009, n.25276 INDEBITO OGGETTIVO: LA RILEVANZA DEL NUMERO DEI SOGGETTI COINVOLTI NELLA “CONDICTIO INDEBITI”

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione Deve innanzi tutto disporsi la riunione dei tre ricorsi proposti contro la medesima decisione. Con il primo motivo il ricorrente principale G. (25862 del 2005) denuncia violazione dell’art. 2033 c.c. e 156, secondo comma, c.p.c. con conseguente nullità della sentenza. I giudici di appello avevano condannato … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE – SENTENZA 1 dicembre 2009, n.25276 INDEBITO OGGETTIVO: LA RILEVANZA DEL NUMERO DEI SOGGETTI COINVOLTI NELLA “CONDICTIO INDEBITI””

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE – SENTENZA 9 dicembre 2009, n.25781 DECRETO INGIUNTIVO: TRA NULLITÀ E SANATORIA

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione Con il primo motivo il ricorrente, lamentando violazione e falsa applicazione dell’art. 140 cod. proc. civ., deduce la nullità della notificazione del decreto ingiuntivo perché effettuata in un luogo che, secondo quanto documentato in atti, non era più la residenza dell’ingiunto, circostanza di cui era ben … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE – SENTENZA 9 dicembre 2009, n.25781 DECRETO INGIUNTIVO: TRA NULLITÀ E SANATORIA”