Cassazione civile 19045/2010 Responsabilità da cose in custodia = responsabilità oggettiva ?

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Svolgimento del processo B.R. e D.G. convenivano in giudizio F.N. esponendo: che l’appartamento di loro proprietà era stato interessato da infiltrazioni di acqua provenienti dalle tubature dell’impianto dell’appartamento soprastante di proprietà della F. la quale si era opposta a far accedere alla propria abitazione un idraulico per l’esecuzione delle … Leggi tutto “Cassazione civile 19045/2010 Responsabilità da cose in custodia = responsabilità oggettiva ?”

Cassazione penale 34521/2010 Tutto su responsabilità del medico e consenso!

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Svolgimento del processo – Motivi della decisione Sezione prima: le sentenze di merito e i ricorsi. 1. La sentenza di primo grado. Il quadro generale. La Corte d’assise di Roma, con sentenza 12 novembre 2007, ha dichiarato H.C. – primario e dirigente medico presso l’azienda ospedaliera (OMISSIS) – colpevole … Leggi tutto “Cassazione penale 34521/2010 Tutto su responsabilità del medico e consenso!”

Cassazione penale 32404/2010 Stalking tramite facebook: il sì della Cassazione!

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Fatto – Diritto P.Q.M. Svolgimento del processo – Motivi della decisione Con l’ordinanza sopra indicata, il Tribunale di Potenza ha parzialmente accolto l’istanza di riesame formulata da Distefano Paolo Giuseppe avverso il provvedimento del g.i.p. del Tribunale di Lagonegro in data 16 febbraio 2010, sostituendo la misura cautelare della … Leggi tutto “Cassazione penale 32404/2010 Stalking tramite facebook: il sì della Cassazione!”

Cassazione penale 23203/2010 Se il fatto è vero si può dire ciò che si vuole?

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Svolgimento del processo 1. Il tribunale di Cosenza, con l’impugnata sentenza, deliberata l’8 maggio 2009, quale giudice di rinvio, ha confermato quella di primo grado pronunciata dal Giudice di pace della stessa città, che aveva dichiarato l’appellante A.F. colpevole del reato di ingiuria, per avere offeso l’onore di A.R., … Leggi tutto “Cassazione penale 23203/2010 Se il fatto è vero si può dire ciò che si vuole?”