CORTE DI CASSAZIONE, SEZIONI UNITE – SENTENZA 13 luglio 2010, n.16349 CONSIGLIO DELL’ORDINE FORENSE E NATURA DELLE SUE FUNZIONI

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione 1 – Il primo motivo denuncia violazione degli arti. 24 e 111 della Costituzione, dell’art. 6 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali; violazione della legge 241/90 e successive modificazioni e integrazioni; illegittima riapertura del procedimento disciplinare: violazione dell’art. 50 … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZIONI UNITE – SENTENZA 13 luglio 2010, n.16349 CONSIGLIO DELL’ORDINE FORENSE E NATURA DELLE SUE FUNZIONI”

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE – SENTENZA 14 luglio 2010, n.16556 ASSEGNO BANCARIO

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione Con il primo motivo il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione dell’art. 22 e ss. Del R.D. 21 dicembre 1933 n. 1736, con riferimento all’art. 360 n. 3 c.p.c. Deduce il ricorrente che secondo il giudicante il M. non avrebbe potuto richiedere la prestazione contenuta negli … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE – SENTENZA 14 luglio 2010, n.16556 ASSEGNO BANCARIO”

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE – SENTENZA 15 luglio 2010, n.16612 MANTENIMENTO DEI FIGLI MAGGIORENNI

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione 1. Con il primo motivo la ricorrente deduce violazione dell’art. 329 c.p.c., sostenendo che l’acquiescenza prestata al capo della decisione relativo alla dichiarazione giudiziale della paternità precludeva l’impugnazione anche del capo relativo al riconoscimento dell’assegno di mantenimento, in quanto l’obbligo di mantenimento dei figli è imposto … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE – SENTENZA 15 luglio 2010, n.16612 MANTENIMENTO DEI FIGLI MAGGIORENNI”

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE – SENTENZA 15 luglio 2010, n.16614 SEPARAZIONE E ADDEBITO

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione 1. Con il primo motivo il ricorrente deduce violazione degli art. 143 comma 2 e 151 comma 2 c.c., in relazione all’art. 2697 c.c. e all’art. 115 c.p.c., lamentando che i giudici del merito abbiano erroneamente negato rilevanza alla violazione dell’obbligo di coabitazione da parte di … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE – SENTENZA 15 luglio 2010, n.16614 SEPARAZIONE E ADDEBITO”