CORTE DI CASSAZIONE, SEZIONI UNITE – SENTENZA 23 giugno 2010, n.15169 LA QUERELA DI FALSO

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione Con il primo motivo, il P. lamenta violazione e falsa applicazione degli artt. 214, 215, 221 e 116 cpc nonché vizio di motivazione circa un punto decisivo della controversia; la sentenza della Corte subalpina viene censurata per aver ritenuto che la scrittura privata proveniente o sottoscritta … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZIONI UNITE – SENTENZA 23 giugno 2010, n.15169 LA QUERELA DI FALSO”

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE – SENTENZA 2 luglio 2010, n.15718 NON SPETTA ALLA PARTE LA VALUTAZIONE DELLA PROPONIBILITÀ DELL’IMPUGNAZIONE

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione 1. – Deve essere preliminarmente disposta la riunione dei due ricorsi (art. 335 cod. proc. civ.). 2. – Con il primo motivo, deducendo violazione di legge ed omessa insufficiente o contraddittoria motivazione, la ricorrente lamenta che la Corte di appello abbia omesso di considerare che la … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE – SENTENZA 2 luglio 2010, n.15718 NON SPETTA ALLA PARTE LA VALUTAZIONE DELLA PROPONIBILITÀ DELL’IMPUGNAZIONE”

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE – SENTENZA 28 giugno 2010, n.15385 RISARCIMENTO DEL DANNO DA INVALIDITÀ TOTALE TEMPORANEA

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione Con l’unico motivo il ricorrente deduce violazione e falsa applicazione degli articoli 2043, 2056, 1223 e 1226 c.c. nonché dell’art. 112 c.p.c. I giudici di appello, ad avviso del ricorrente, avrebbero confuso il diritto al risarcimento del danno con il risarcimento effettivo. In realtà, il diritto … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE – SENTENZA 28 giugno 2010, n.15385 RISARCIMENTO DEL DANNO DA INVALIDITÀ TOTALE TEMPORANEA”

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE – SENTENZA 23 giugno 2010, n.15223 CESSIONE DEL CREDITO IN LUOGO DELL’ADEMPIMENTO

Sentenza scelta dal dott. Domenico Cirasole Motivi della decisione 1. Col primo motivo la ricorrente, lamentando la violazione degli artt. 102, 167 e 182 c.p.c., nonché vizi di motivazione del provvedimento impugnato, ripropone l’eccezione di non integrità del contraddittorio nel giudizio di primo grado, derivante dal fatto che non tutti gli eredi del defunto sig. … Leggi tutto “CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE – SENTENZA 23 giugno 2010, n.15223 CESSIONE DEL CREDITO IN LUOGO DELL’ADEMPIMENTO”